"Un vincitore è un sognatore che non si è mai arreso''. Nelson Mandela

L’Arci divisa dal modello di democrazia

Posted: marzo 19th, 2014 | Author: | Filed under: ARTICOLI | Tags: , , , , | No Comments »

641622488 di Raffaella Bolini – All’unanimità, nel con­gresso spac­cato di Bolo­gna, abbiamo appro­vato molte cose. Ses­santa ordini del giorno, fra cui quelli con­tro il Fiscal Com­pact, per la chiu­sura dei Cie, con­tro la Tav e le grandi opere, con­tro la repres­sione degli atti­vi­sti sociali, con­tro l’Italicum. Modi­fi­che allo sta­tuto, inclusa l’incompatibilità con inca­ri­chi poli­tici e isti­tu­zio­nali.
La cura e lo svi­luppo delle basi ter­ri­to­riali era al cen­tro del pro­gramma di tutti e due i can­di­dati, “il valore dell’associazionismo al tempo della crisi” una prio­rità poli­tica comune, per ribal­tare la pira­mide della demo­cra­zia auto­ri­ta­ria che ammazza i diritti. Non è stata una divi­sione fra mode­rati e radi­cali, non è stata nep­pure la con­trap­po­si­zione fra l’impegno dei cir­coli e quello nei movi­menti. Que­ste faglie esi­stono fra di noi, ma in una mappa più com­plessa: fu l’Arci “tra­di­zio­nale” della Toscana a dire per prima no alla guerra in Kosovo. Ma allora, su cosa ci siamo divisi? Ci siamo divisi sulla democrazia. Read the rest of this entry »


La democrazia sta tornando

Posted: giugno 13th, 2013 | Author: | Filed under: GENERALE, POLITICA | Tags: , , | No Comments »
Locandina_La democrazia sta tornandoChe cosa possiamo mettere in atto, e con quali strumenti, per ricostruire la democrazia in Italia e in Europa, nel tempo del “pilota automatico” e del governo “delle larghe intese”? Come dare una prospettiva politica ed eventualmente anche elettorale ai vari livelli, a quel vasto mondo DEMOCRATICO che desidera con forza un’alternativa di società e che continua a non essere rappresentato, neanche da Grillo come l’ultimo esito amministrativo con chiarezza dimostra?
“Lontano dalle mura di Bisanzio”, dai giochi di quello che fu il progetto del centrosinistra, ma con le donne e gli uomini colpiti dalla crisi e in cerca di un’altra politica, fondata sulla partecipazione e l’affermazione dei diritti, contro il disegno presidenzialista e autoritario che avanza e per un’economia che dia risposte ai bisogni di giustizia ambientale e sociale e non alla finanza.
Venerdì 14 e sabato 15 giugno ALBA (Alleanza Lavoro Beni comuni e Ambiente) organizza a Bari un appuntamento nazionale aperto alla cittadinanza tutta, per un confronto sul tema della democrazia.La due giorni si svilupperà secondo il seguente programma: Read the rest of this entry »


LA REPUBBLICA SIAMO NOI

Posted: maggio 29th, 2012 | Author: | Filed under: POLITICA | Tags: , , , , , , , , | No Comments »
LA REPUBBLICA SIAMO NOI
Manifestazione nazionale
Roma, sabato 2 Giugno 2012
 Ore 15.00 P.zza della Repubblica
Per l’attuazione del risultato referendario, per la riappropriazione sociale e la tutela dell’acqua e dei beni comuni, per la pace, i diritti e la democrazia, per un’alternativa alle politiche d’austerità del Governo e dell’Europa. Read the rest of this entry »


9 marzo: l’Arci a sostegno della Fiom.

Posted: marzo 2nd, 2012 | Author: | Filed under: ARTICOLI, POLITICA | Tags: , , , , , , | No Comments »

 Il Paese sta vivendo con grave disagio gli effetti della crisi: disoccupazione, impoverimento e precarietà di fasce sempre più ampie della popolazione sono i sintomi di una vera emergenza sociale; il mondo del lavoro paga il prezzo più alto con il rischio di un pesante arretramento dei diritti. Dai governi europei non emergono strategie in grado di rilanciare l’economia, ma solo l’adozione di rigide misure di austerità che rischiano di alimentare una spirale recessiva e compromettere ogni possibilità di ripresa. Read the rest of this entry »


APPELLO GIÙ LE MANI DALL’ACQUA E DALLA DEMOCRAZIA!

Posted: gennaio 13th, 2012 | Author: | Filed under: COMUNICATI, POLITICA | Tags: , , , , , , , | No Comments »
 Il 12 e 13 giugno scorsi 26 milioni di donne e uomini hanno votato per l’affermazione dell’acqua come bene comune e diritto umano universale e per la sua gestione partecipativa e senza logiche di profitto. 

Le stesse persone hanno votato anche la difesa dei servizi pubblici locali dalle strategie di privatizzazione: una grande e diffusa partecipazione popolare, che si è espressa in ogni territorio, dimostrando la grande vitalità democratica di una società in movimento e la capacità di attivare un nuovo rapporto tra cittadini e Stato attraverso la politica. Il voto ha posto il nuovo linguaggio dei beni comuni e della partecipazione democratica come base fondamentale di un possibile nuovo modello sociale capace di rispondere alle drammatiche contraddizioni di una crisi economico-finanziaria sociale ed ecologica senza precedenti.
A questa straordinaria esperienza di democrazia il precedente Governo Berlusconi ha risposto con un attacco diretto al voto referendario, riproponendo le stesse norme abrogate con l’esclusione solo formale del servizio idrico integrato.  Read the rest of this entry »


Una sovranità chiamata debito

Posted: novembre 25th, 2011 | Author: | Filed under: ARTICOLI, POLITICA | Tags: , , , , , , | No Comments »

 

 di Etienne Balibar –  «Il ricatto del caos, la minaccia continuamente ribadita di un degradazione del debito, possono tetanizzare i riflessi democratici». Il manifesto, 25 novembre 2011

Che cosa è accaduto in Europa, tra la caduta del governo greco e italiano, e il disastro della sinistra spagnola alle elezioni di domenica scorsa? Una peripezia nella piccola storia dei rimpasti politici che si estenuano a inseguire la crisi finanziaria? Oppure il superamento della soglia nello sviluppo di questa crisi che ha compromesso irreversibilmente le istituzioni e le loro modalità di legittimazione? A dispetto delle incognite, bisogna rischiare un bilancio. Read the rest of this entry »


FERMATEVI! IL VOTO NON E’ UNA DELEGA IN BIANCO.

Posted: giugno 27th, 2011 | Author: | Filed under: ARTICOLI, GENERALE, POLITICA | Tags: , , , | No Comments »

Sono trascorse neanche 24 ore dal lancio dell’appello alle istituzioni e alla politica e la violenza delle forze dell’ordine costituito contro i NO TAV non si è fatta attendere nel mostrare il vero volto dell’intento politico. In Val Susa in gioco c’è l’interesse legittimo delle comunità di difendere il proprio territorio e di determinare il proprio futuro contro la volontà eversiva di imporre scelte antidemocratiche per la felicità delle lobby. Troppi episodi ormai sono diventati testimonianza dello scarto tra la politica rappresentativa e l’interesse collettivo. Il referendum del 12 e 13 giugno avrebbe dovuto segnare un cambio di direzione, ma è evidente che chi ha le mani in pasta non ha nessuna intenzione nè di colmare lo scarto nè di tirarsi fuori dalla cricca degli affari. L’alternativa rimane nelle mani dei singoli che decideranno di rinunciare alla delega per difendere volontà e diritto delle comunità a decidere quale modello di sviluppo scegliere. E’ arrivato il momento di ribadire tutti insieme: “Fermatevi, il voto non è una delega in bianco!”.  Read the rest of this entry »


PERCHE’ BISOGNA ANDARE A VOTARE ?

Posted: giugno 11th, 2011 | Author: | Filed under: ARTICOLI, GENERALE, POLITICA | Tags: , , , , , , | No Comments »

“Odio gli indifferenti. Credo che vivere voglia dire essere partigiani. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. L’indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti. L’indifferenza è il peso morto della storia. L’indifferenza opera potentemente nella storia. Opera passivamente, ma opera. È la fatalità; è ciò su cui non si può contare; è ciò che sconvolge i programmi, che rovescia i piani meglio costruiti; è la materia bruta che strozza l’intelligenza.
Ciò che succede, il male che si abbatte su tutti, avviene perché la massa degli uomini abdica alla sua volontà, lascia promulgare le leggi che solo la rivolta potrà abrogare, lascia salire al potere uomini che poi solo un ammutinamento potrà rovesciare.
Tra l’assenteismo e l’indifferenza poche mani, non sorvegliate da alcun controllo, tessono la tela della vita collettiva, e la massa ignora, perché non se ne preoccupa; e allora sembra sia la fatalità a travolgere tutto e tutti, sembra che la storia non sia altro che un enorme fenomeno naturale, un’eruzione, un terremoto del quale rimangono vittime tutti, chi ha voluto e chi non ha voluto, chi sapeva e chi non sapeva, chi era stato attivo e chi indifferente. Read the rest of this entry »


Lettera aperta al Sindaco di Guagnano e all’assessore all’ambiente da parte del comitato cittadino “4 SI al Referendum”

Posted: giugno 11th, 2011 | Author: | Filed under: ARTICOLI, ASSOCIAZIONE, CULTURA, GENERALE | Tags: , , , , , , | No Comments »

Al Sindaco del comune di Guagnano,

all’Assessore all’ambiente e alla cittadinanza.

In questi giorni, il 3, 4 e 6 di giugno, si è svolta nel nostro Comune una manifestazione a tematica ambientale chiamata EsclusivAmbiente. Leggiamo  sul sito istituzionale del Comune e su quello di informazione locale GuagnanoInforma le parole dell’assessore all’ambiente, Danilo Verdoscia: ” l’evento (è) dedicato al tema dell’ambiente e dell’energia, allo scopo di promuovere lo sviluppo eco-sostenibile a beneficio delle generazioni presenti e future” e ancora “ sono previste aree di informazione e sensibilizzazione curate dalle associazioni, consorzi ed altri partecipanti”. Read the rest of this entry »


L’obiettivo dei sì

Posted: giugno 10th, 2011 | Author: | Filed under: ARTICOLI, GENERALE, POLITICA | Tags: , , , , , , , | No Comments »

di Ugo Mattei

Siamo vicinissimi al quorum e con un ultimo sforzo possiamo farcela. Le circostanze ci sono favorevoli. L’incredibile autogol prodotto dal tentativo di scippare il referendum pesa sugli umori del fronte del no. Ma è importante che l’allargamento del perimetro del sì non faccia perdere di vista l’essenza politica di questo voto: un’inversione di rotta rispetto a un ventennio di politiche liberiste e un modello di sviluppo nuovo, fondato sulla qualità della vita e finalmente libero dalla schiavitù del Pil, del pensiero economico mainstream dei Draghi e dei poteri forti, del falso realismo conservatore. Un sì che legittima politicamente la realizzazione delle idee (sul manifesto del 7 giugno Viale ne ha esposte alcune di grande importanza) che ci possono consentire di uscire davvero dalla crisi. Tutti quei sì metteranno all’ordine del giorno la riforma del servizio idrico proposta dai Forum con la legge di iniziativa popolare mai discussa in Parlamento, e la riforma della proprietà pubblica della Commissione Rodotà, a sua volta giacente in Senato, che per prima definisce giuridicamente i beni comuni. Read the rest of this entry »